Giusto Picone

Già professore ordinario di Lingua e Letteratura Latina presso l’Università degli Studi di Palermo (1986-2017), ha pubblicato su riviste specialistiche numerosi saggi sulla storiografia latina (Sallustio, Livio, Giulio Ossequente), sull’epica (Virgilio, Lucano), sulle orazioni di Cicerone, sulla poesia d’età augustea, sulla tematica dell’esilio in età imperiale, sulle opere filosofiche di Cicerone e di Seneca, sul Dialogus de oratoribus, sulle problematiche relative alla didattica delle culture classiche. Retorica, teatro e filosofia latina costituiscono alcuni tra i principali oggetti d’indagine della sua produzione scientifica.
Nel 1991 ha realizzato la traduzione del Thyestes senecano e collaborato con il regista Walter Pagliaro alla messa in scena di questa tragedia nel teatro antico di Segesta per conto dell’INDA. Sul versante filosofico ha curato per Einaudi l’edizione del De officiis di Cicerone. È inoltre autore, insieme a E. Romano e a F. Gasti, dei quattro volumi della storia letteraria Lezioni romane, editi da Loescher (Torino 2003); è curatore di un volume miscellaneo di studi sul tema della clementia Caesaris, cui anche in questo caso ha contribuito con un suo saggio.
È direttore di “Dionysus ex machina” e condirettore di “ClassicoContemporaneo”. Dirige le collane scientifiche Hermes e Letteratura classica (Palumbo editore); ha diretto dal 2002 al 2009 la rivista “Dioniso”, annale della Fondazione INDA. È stato designato dal MIUR quale componente del Comitato Nazionale per il bimillenario della nascita di Lucio Anneo Seneca; è socio nazionale dell’Associazione di Scienze, Lettere e Arti; è membro della Consulta Universitaria di Studi Latini; nel 2011 è stato insignito del Praemium Classicum Clavarense.

Dal gennaio del 2018 è referente dell’Università di Palermo nel Centro Internazionale di Studi e Ricerca sul Teatro Antico “Progetto Segesta”.

You may also like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *